domenica 29 giugno 2014

Noto Barocca e la Stranezza del Mondo

Sicilia Barocca - Noto
Cliccare sull'immagine per vedere la galleria fotografica
Il ricciolo è probabilmente l'emblema dell'epoca barocca, che vediamo come il periodo in cui gli artisti, dopo aver studiato (col Rinascimento) e codificato (col Manierismo) l'arte degli Antichi, decisero per certi versi di superare queste regole attraverso una singolare reinterpretazione delle forme classiche in un tentativo sempre più scoperto di sorprendere l'osservatore con la fantasia.

"Baroque" in francese significa bizzarro, stravagante: e stravaganti e bizzarre sono le interpretazioni delle creazioni artistiche dell'epoca barocca che portano dentro di sé i germi di certe correnti nate in tempi moderni, come il surrealismo o l'espressionismo. Nel tentativo di "stupire" l'osservatore il Barocco getta i semi dello scetticismo con la negazione stessa delle regole e delle certezze, la loro asimmetria, la volontà di contraddire, di stupefare, di meravigliare mostrando la stranezza del mondo.

Noto, insieme a Ragusa, Modica e Scicli, è il centro di quella Val di Noto "barocca" che deve anche a un terremoto (quello devastante del 1693) la sua sorprendente unità stilistica, mantenuta anche nei secoli successivi. Queste trenta foto, (per vederle cliccare sull'immagine in intestazione) scelte tra quelle che ho fatto percorrendo le vie del centro storico sapientemente restaurato, vorrebbero rendere in piccolo e in breve, il sapore e i colori di questa città. Perché il viaggio non è mai solo un viaggio verso qualcosa; è piuttosto un viaggio attraverso qualcosa, che ti resta dentro e ti cambia, e cerca di parlare attraverso di te.

Musica di sottofondo: STRANIZZA D'AMURI - FRANCO BATTIATO

Nessun commento:

Posta un commento