domenica 17 marzo 2013

Don Giovanni in Sicilia - Vitaliano Brancati


Questa “pietra miliare” della narrativa italiana del Novecento non l’avevo finora letta. Mi ha dato una sensazione di straniamento. E’ stato come aprire una vecchia casa e scoprire vecchi arredi dimenticati stranamente familiari, è stato come entrare in un mondo per molti versi perduto e per altri ancora indubitabilmente vivo.

La donna come essere vagheggiato e adorato ma sostanzialmente inconoscibile e alieno, più personaggio di fantasia che persona vera, è tutt’ora alla base di molti dei problemi relazionali della famiglia. Nasce da un mondo che è ancora quello tratteggiato da Brancati: una società scomparsa ma sotterraneamente ancora vitale, come una pianta i cui semi continuino a germogliare ben oltre il momento in cui essa ha cessato di esistere. 

Noi - noi maschi italiani - abbiamo ancora dentro qualcosa di quel mondo, e Brancati continua a dipingere una caricatura che seppure non ci rappresenta più del tutto dipinge un aspetto di noi che è ben lontano dall’essere scomparso.


DON GIOVANNI IN SICILIA
VITALIANO BRANCATI
Cop. Rigida 160 Pagine
ISBN-13: 9770390107900
Editore: Biblioteca di Repubblica

Nessun commento:

Posta un commento